Tag: reddito

Startup innovative: con l’azienda sponsor quotata si ottengono capitali e si cedono le perdite

Tra le misure dedicate alle startup innovative la Legge di Bilancio 2017 ha introdotto il supporto finanziario della cd. azienda sponsor.

Nella relazione illustrativa della misura si legge che essa è stata prevista al fine di ovviare  alla difficoltà di reperire risorse finanziarie nei primi esercizi, contraddistinti spesso dalla presenza di perdite, che limita la possibilità di sviluppo di molte imprese innovative.

Come funziona la misura?

La legge (art. 1, commi 76-80, L. n. 232/2016) consente alle startup, partecipate da società quotate (aziende sponsor) per almeno il 20 per cento, di vendere a queste ultime le perdite realizzate nei primi tre periodi d’imposta di attività.

Per la startup il beneficio si produce con l’applicazione alle perdite fiscali cedute dell’aliquota Ires relativa al periodo d’imposta in cui le perdite sono state conseguite. In sostanza, la  startup ottiene una sorta di finanziamento da destinare al proprio sviluppo. Per l’azienda sponsor si realizza, invece, per la possibilità di dedurre le perdite acquistate dal proprio reddito complessivo per l’intero importo, che vi trova capienza, nei primi tre periodi d’imposta, e per l’eventuale eccedenza negli anni successivi senza limiti di tempo. Si richiede, naturalmente, per l’operatività delle misura, che le perdite cedute siano riferite ad una nuova attività produttiva.

Si vuole, quindi, favorire un meccanismo, come è stato precisato nella nota governativa, secondo cui “gli imprenditori affermati aiutano nuovi imprenditori a crescere creando un ecosistema pro startup“.

Avv. Marco De Paolis
STUDIO LEGALE DE PAOLIS
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiolegaledepaolis.it

Annunci

Recupero dei crediti più efficace con le nuove azioni previste a tutela dei creditori

Con l’entrata in vigore del D.l. n. 83/2015 il legislatore è intervenuto per favorire l’esito positivo delle azioni dirette al recupero dei crediti, offrendo ai creditori strumenti più validi per la ricerca e l’individuazione del patrimonio del debitore.

Come noto, per i beni immobili, esiste un sistema telematico che consente l’immediata individuazione del patrimonio del debitore, attraverso la consultazione di banche dati catastali. Per gli altri beni soggetti ad esecuzione forzata (beni mobili; beni mobili registrati; crediti nei confronti di terzi, depositi bancari e redditi da lavoro) è stato, invece, recentemente introdotto l’art.492 bis c.p.c.. Questa norma disciplina uno specifico procedimento, che autorizza il creditore ad accedere in via telematica alle banche dati della pubblica amministrazione, al fine di poter individuare i beni del debitore da sottoporre a pignoramento.

Una volta autorizzato, il creditore, mediante l’intervento dell’Ufficiale Giudiziario, che è il soggetto abilitato alla consultazione telematica, può acquisire informazioni sulla consistenza del patrimonio del debitore. In caso di esito negativo, è prevista la possibilità per il creditore di ottenere che l’Ufficiale giudiziario interroghi il debitore circa eventuali giacenze e/o crediti verso terzi. In caso di dichiarazione mendace il debitore sarà sanzionato con l’applicazione di una multa fino a 316 euro e la reclusione fino a un anno. Qualora si verifichi il mancato funzionamento delle strutture tecnologiche, il legale del creditore può consultare direttamente le banche dati previa autorizzazione ex articolo 492 bis c.p.c..

La portata dello strumento è significativa per i creditori sotto più profili: da un lato, nell’ipotesi di ricerca telematica negativa, possono richiedere all’Ufficiale giudiziario l’interrogatorio del debitore circa eventuali giacenze e/o crediti verso terzi, dall’altro, sono tutelati da un sistema sanzionatorio contro le dichiarazioni mendaci, che prevede l’applicazione di una multa e della reclusione a carico del debitore. Infine, la norma conferisce una maggiore efficacia al recupero del credito, precludendo di fatto al debitore, per effetto delle sanzioni penali, la possibilità di occultare in tutto o in parte il proprio patrimonio e/o la propria situazione reddituale.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it