Tag: fisco

Startup/pmi innovative: agevolazione fiscale al 30% sugli investimenti eseguiti dall’1 gennaio 2017

La Legge di Bilancio 2017, come già anticipato (Articolo 28 novembre 2016), prevede l’incremento delle agevolazioni per chi investe in startup e PMI innovative.

Le aliquote sono state uniformate al 30% sia per la detrazione IRPEF a favore delle persone fisiche (ora al 19%) sia per la deduzione IRES destinata a quelle giuridiche (ora al 20%), indipendentemente dalla tipologia di società innovativa beneficiaria.

In attesa dell’approvazione da parte dell’Unione Europea della misura di agevolazione e di una circolare esplicativa dell’Agenzia delle Entrate o del Ministero dello Sviluppo Economico, pare opportuno segnalare che l’aliquota del 30% si applicherà agli investimenti eseguiti nel 2017.

Questa considerazione si fonda sull’esame del testo della Legge di Bilancio (art. 14) in cui si legge “all’articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, sono apportate le seguenti modificazioni: c) dopo il comma 7 è inserito il seguente: «7-bis. A decorrere dall’anno 2017, le aliquote di cui ai commi 1, 4 e 7 sono aumentate al 30 per cento»“.

Pertanto, nella prossima dichiarazione fiscale, che sarà presentata nell’anno 2017, in cui si indicheranno gli investimenti perfezionati nel 2016, si applicherà l’aliquota del 19% o del 20%.

Ricordo, altresì, che la Legge di Bilancio innalza il tetto massimo di investimento detraibile  per le persone fisiche a 1 milione di euro, lasciandolo inalterato per i soggetti passivi IRES a 1,8 milioni di euro.

Infine, per usufruire dell’agevolazione fiscale, secondo la Legge di Bilancio 2017, si dovrà mantenere l’investimento per 3 anni.

Avv. Marco De Paolis

STUDIO LEGALE DE PAOLIS
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

 

 

Annunci

Startup innovative: operativi gli incentivi 2016 per gli investitori

Il decreto del 25/2/2016 del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico, contenente le modalità di attuazione degli incentivi fiscali per gli investitori nelle startup innovative, in riferimento al periodo di imposta 2016, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 84 dell’11/4/2016.

Per effetto della pubblicazione la misura è pienamente operativa e usufruibile da parte delle persone fisiche o giuridiche interessate a mettere capitali nelle startup innovative.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

 

Startup: gli studi di settore non si applicano

Startup: gli studi di settore non si applicano

Meno adempimenti a carico delle startup! La Commissione tributaria della Liguria (sentenza  n. 167/1/16) ha infatti preso due importanti decisioni:

  1. gli studi di settore sono applicabili alle imprese che operano nei cd. settori maturi e non anche a quelle attive nelle nuove tecnologie;
  2. l’iscrizione  dei costi sostenuti per ricerca e sviluppo nell’attivo patrimoniale come immobilizzazioni immateriali non è presupposto di una condotta antieconomica.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Sentenza n. 167:1:2016 – Ctr Liguria

 

Applicazione del patent box alle royalties derivanti dalla distribuzione di software registrato

Siete una società che ha sviluppato un software e l’ha registrato presso il Pubblico Registro tenuto dalla SIAE? Distribuite il software, in Italia o all’estero, ricevendo in cambio delle royalties? Avete anche voi l’opportunità di beneficiare delle agevolazioni previste dal patent box. 

Il patent box, disciplinato dalla Legge n. 190/2014 e dal D.l. n. 3/2015, come abbiamo già segnalato, offre alle imprese un’agevolazione fiscale per brevetti, marchi, software protetti da copyright, disegni, modelli e know-how tutelabili ai fini di legge. È infatti riconosciuta un’esenzione, ai fini Ires ed Irap, dei redditi, derivanti dall’utilizzo diretto o dalla concessione in uso a terzi (è il caso sopra citato) o dalla vendita dei predetti beni immateriali, realizzati dalle aziende, sia direttamente che, attraverso contratti di ricerca stipulati con altre società, università o enti di ricerca e organismi equiparati.

Come si calcola il beneficio fiscale? Qualora il software sia concesso a terzi in licenza d’uso, il reddito è costituito dai relativi canoni conseguiti al netto dei costi, diretti e indiretti, ad essi connessi di competenza del periodo d’imposta. La quota di reddito agevolabile si calcola sulla base del rapporto tra i costi di attività di ricerca e sviluppo sostenuti direttamente o tramite Università e società terze per il mantenimento, l’accrescimento e lo sviluppo del bene immateriale (cd. costi qualificati) e i costi complessivi afferenti il bene medesimo (cd. costi complessivi).

Sono, nel nostro caso, costi di ricerca e sviluppo quelli inerenti alla realizzazione del software protetto da copyright, le ricerche di mercato, l’adozione di sistemi anticontraffazione, il marketing e la pubblicità.

Determinato il reddito agevolabile, questo dato deve essere moltiplicato per un coefficiente, che, per il periodo 2015-2017, si calcola computando tutti i costi qualificati e complessivi sostenuti nell’esercizio e nei 3 precedenti senza distinzione per singolo bene. Per il 2015 si considereranno, pertanto, i costi, qualificati e complessivi, di competenza degli anni 2012, 2013, 2014 e 2015. Dal 2018 il coefficiente andrà, invece, calcolato per singolo bene guardando ai relativi costi qualificati e complessivi degli anni 2015, 2016, 2017 e 2018.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Startup e sviluppatori di app vendute all’estero: gli obblighi IVA si adempiono con il MOSS

L’1 gennaio 2015 sono entrate in vigore le norme, che hanno modificato gli articoli 58 e 59bis della Direttiva n. 2006/112/UE, introducendo i nuovi criteri di territorialità applicabili al commercio elettronico diretto nei confronti di cittadini residenti in uno Stato membro dell’Unione Europea.

Per intenderci, il commercio elettronico diretto è quello di chi effettua l’intera operazione commerciale per via telematica (es. vendita di app, file musicali); pertanto, sono coinvolte da queste norme quelle startup o quei professionisti, che realizzano applicazioni e si rivolgono non solo a clienti in Italia ma anche nell’UE.

Secondo le nuove regole i consumatori sono soggetti all’IVA del proprio Paese indipendentemente dal luogo in cui si trovano i produttori del bene acquistato. Questi ultimi devono, invece, provvedere ad adempiere, secondo l’aliquota ordinaria prevista da ciascun Stato membro, agli obblighi IVA utilizzando il sistema MOSS (Mini One Stop Shop). Si tratta di un portale web tramite il quale versare l’IVA dovuta sui servizi elettronici resi in altri Stati dell’UE ai consumatori privati, che non sono soggetti passivi IVA.

Grazie a questo sistema non occorre alla startup o al professionista identificarsi in ciascun Stato membro in cui vende il proprio prodotto.

Marco De Paolis

DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

PMI innovativa e startup innovativa: il punto su requisiti di legge e agevolazioni

Con l’obiettivo di sostenere la competitività del tessuto produttivo nazionale favorendo l’innovazione tecnologica all’interno di un più ampio numero di imprese, il cd. Investment Compact (Decreto Legge 24 gennaio 2015, n. 3) ha introdotto, all’articolo 4, una nuova categoria aziendale, la pmi innovativa, disponendo che a questa siano estese alcune delle agevolazioni riservate alle startup innovative così come disciplinate ai sensi del Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179 (“Decreto Crescita 2.0”), convertito con Legge 17 dicembre 2012, n. 221.

i requisiti di legge della pmi innovativa e della startup innovativa

PMI INNOVATIVA STARTUP INNOVATIVA
società di capitali, costituita anche in forma cooperativa società di capitali, costituita anche in forma cooperativa
non quotata non quotata
con sede legale o filiale in Italia con sede legale o filiale in Italia
non sono previsti vincoli temporali; tuttavia, dovendo possedere almeno un bilancio certificato, non è una società di nuova costituzione. è di nuova costituzione o è attiva da non più di 48 mesi dalla data di presentazione della domanda per l’iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese.
ha meno di 250 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore a € 50 milioni o un attivo dello stato patrimoniale inferiore a € 43 milioni (Raccomandazione n. 2003/361/CE). il totale del valore della produzione annua non è superiore a € 5 milioni.
non ha il divieto di distribuzione degli utili. non dà o non ha distribuito utili.
non ha limitazioni inerenti all’oggetto sociale. ha come oggetto esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.
criteri opzionali per rilevare il carattere di innovazione tecnologica (almeno 2 su 3)

1.     3% del maggiore tra costi e valore totale riguarda attività di R&S;

2.     team è formato per 1/5 da dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori con 3 anni di esperienza, oppure, per 1/3 da personale in possesso di laurea magistrale;

3.     è titolare, anche quale depositaria o licenziataria, di una privativa industriale (brevetto) inerente ad una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto, a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale oppure titolare di software registrato.

Criteri opzionali per rilevare il carattere di innovazione tecnologica (almeno 1 su 3)1.     15% del maggiore tra costi e valore totale riguarda attività di R&S;

1.     team è formato per 1/3 da dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori con 3 anni di esperienza, oppure, per 2/3 da personale in possesso di laurea magistrale;

2.     è depositaria o licenziataria di privativa industriale, oppure titolare di software registrato.

le agevolazioni della pmi innovativa e della startup innovativa

MISURA DI SOSTEGNO PMI INNOVATIVA STARTUP INNOVATIVA
Obbligo di iscrizione in una sezione speciale del Registro delle imprese, accessibile mediante autocertificazione, soggetta a aggiornamento semestrale delle informazioni e regime speciale di pubblicità per favorire un monitoraggio e controllo diffuso e stimolare il dibattito pubblico sull’innovazione
Dilatazione nell’applicabilità del regime delle perdite
Possibilità di creare diritti di voto asimmetrici
Non applicabilità della disciplina sulle società di comodo
Esonero da imposta di bollo e diritti di segreteria per l’iscrizione al registro delle imprese e da diritti annuali di segreteria
Esonero da imposta di bollo e diritti di segreteria per il deposito di qualsiasi atto in camera di commercio No(a patto che l’Agenzia delle Entrate non si esprima per l’applicabilità della stessa interpretazione estensiva anche alla pmi innovativa) Sì(interpretazione estensiva offerta dalla circolare 16/E 11 giugno 2014, Agenzia delle Entrate)
Facoltà di remunerazione con piani di incentivazione in equity con esonero da imposizione sul reddito
Accesso fast-track e riserva nel plafond per il credito d’imposta del 35% per le assunzioni di personale altamente qualificato No
Disciplina del lavoro su misura (possibilità di utilizzare contratti a tempo determinato della durata minima di 6 mesi, massima di 36, rinnovabili senza soluzione di continuità, per un periodo massimo di 48 mesi, al termine del quale si devono trasformare in contratti a tempo indeterminato) No
Incentivi fiscali agli investimenti Sì(7 anni)
Maggiorazione negli incentivi agli investimenti per imprese a vocazione sociale o attive in ambito energetico No
Accesso all’Equity Crowdfunding
Accesso semplificato al Fondo di Garanzia (garanzia gratuita e concessa secondo modalità semplificate sull’80% del prestito concesso da banca)
Italia Startup Visa e Italia Startup Hub No
Sostegno ad hoc da parte dell’Agenzia ICE
Invitalia Smart & Start No
Esonero dalla disciplina ordinaria del fallimento No

I benefici assegnati alla pmi innovativa non conoscono alcuna delimitazione temporale. Questa regola conosce una sola eccezione ovvero le agevolazioni fiscali agli investimenti che hanno una durata massima di 7 anni. Le agevolazioni della startup innovativa si applicano invece per 5 anni.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Investment Compact: i nuovi incentivi per le pmi che investono in innovazione

Il cd. Investment Compact (Decreto Legge 24 gennaio 2015, n. 15) ha introdotto un’importante novità nell’ambito dei programmi di supporto all’innovazione, creando la categoria aziendale della PMI innovativa, a cui sono state attribuite gran parte delle agevolazioni finora riservate alle startup dalla Legge n. 221/2012.

L’intento di questa misura è promuovere la competitività del tessuto produttivo stimolando l’innovazione tecnologica all’interno di una più ampia platea di imprese.
Questo articolo vuole essere un primo strumento per gli imprenditori grazie al quale possano conoscere le nuove norme e riconoscere le opportunità del provvedimento governativo. Entrando nei dettagli, gli incentivi previsti dall’Investment Compact si sostanziano nell’esenzione dei diritti camerali per 4 anni dalla data di iscrizione alla sezione speciale del registro delle imprese, in deroghe al diritto societario, nella remunerazione con strumenti finanziari, nelle agevolazioni fiscali per i soggetti investitori (detrazione IRPEF del 19% ovvero deduzione IRES del 20% delle somme investite che, nel caso di contribuenti soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, non possono superare € 500 mila, mentre, se si tratta di società, € 1,8 milioni) a condizione che la PMI innovativa non sia costituita da più di 7 anni.

L’accesso a questi benefici ha come presupposto necessario l’iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese, che dovrà essere istituita dalle CCIAA, conseguente alla dimostrazione di possedere i requisiti per l’identificazione della PMI come innovativa da effettuare mediante apposita autocertificazione. Quali sono questi requisiti? La PMI innovativa deve essere una società di capitali, non quotata, con sede e/o filiale in Italia, con meno di 250 dipendenti e fatturato annuo inferiore a € 50 milioni o attivo dello stato patrimoniale inferiore a € 43 milioni e in possesso di almeno 2 delle seguenti caratteristiche opzionali, che provino l’innovazione tecnologica (1. il 3% del maggiore tra costi e valore totale della produzione deve riguardare attività di ricerca e sviluppo (in questa categoria rientrano vari ambiti, non semplicemente legati alla ricerca e/o sperimentazione in senso stretto); 2. il team deve essere formato per 1/5 da dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori con 3 anni di esperienza oppure per 1/3 da personale in possesso di laurea magistrale; 3. deve essere depositaria o licenziataria di brevetto oppure titolare di software registrato).

Circa le deroghe in materia societaria le PMI innovative possono usufruire di una copertura delle perdite e di una gestione del capitale flessibili. Nel caso in cui siano srl hanno altresì la facoltà a) di creare categorie di quote fornite di diritti diversi o prive di diritti di voto o con diritti di voto non proporzionali alla partecipazione, b) di offrire al pubblico quote di capitale, c) di effettuare operazioni sulle proprie partecipazioni in attuazione di piani di incentivazione dei propri dipendenti/fornitori. Per ultimo le PMI innovative sono autorizzate ad emettere strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali e/o diritti amministrativi, escluso il diritto di voto. La PMI innovativa non è poi tenuta ad effettuare il test di operatività per le società di comodo.

Il decreto prevede inoltre che per gli amministratori, i dipendenti e i collaboratori delle PMI innovative non concorre a formare l’imponibile, a fini fiscali e contributivi, quella parte di reddito di lavoro che deriva dall’attribuzione di azioni, quote, strumenti finanziari partecipativi o diritti di opzione.

Di assoluta rilevanza, per il reperimento di fondi, in alternativa al tradizionale sistema bancario, è l’apertura alle PMI innovative dell’opzione di raccogliere fondi attraverso portali web di equity crowdfunding. È altresì previsto l’intervento del Fondo centrale di garanzia in modo gratuito e secondo criteri e modalità semplificati.

Infine, per i loro progetti di internazionalizzazione, le PMI innovative hanno la facoltà di accedere con condizioni di favore al sostegno dell’ICE.
Nel sistema nazionale dell’innovazione tecnologica si aprono, dunque, nuove opportunità per un numero più ampio di imprese, che, se ben sfruttate, possono rivelarsi un efficace strumento per una maggiore competitività dell’imprenditoria italiana.
Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it