Una startup può essere innovativa anche se nata da un affitto d’azienda

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha precisato, con il parere n. 155183 del 3 settembre 2015, che l’affitto di azienda non costituisce un impedimento al riconoscimento di startup innovativa.

Alcuni dubbi erano sorti sulla base dell’art. 25 del D.L. n. 179/2012: questa norma stabilisce infatti che la startup non deve essere una società costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.

La ragione per cui l’affitto d’azienda o di ramo d’azienda non esclude la possibilità di registrazione come startup innovativa la si deduce dalla norma che lo disciplina e che ne traccia la distinzione rispetto ad un’operazione di cessione aziendale.

Si tratta dell’art. 2562 c.c., che applica all’affitto d’azienda le norme dell’usufrutto, e ciò ha una sua logica essendo entrambe le fattispecie accomunate dal carattere provvisorio del trasferimento, del semplice godimento e dell’obbligo di restituzione finale.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Qui, di seguito, il link per la lettura integrale del parere del Ministero dello Sviluppo Economico: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/normativa/start-up_PD_azienda.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...