PMI innovative: nelle spese di ricerca e sviluppo anche le immobilizzazioni immateriali

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha fornito, con il parere n. 155175 del 3 settembre u.s., un utile chiarimento alle PMI interessate all’iscrizione nella sezione del Registro delle Imprese con la qualifica di “PMI innovative”.

Si precisa che le immobilizzazioni immateriali (sono disciplinate dall’art. 2424 cod. civ. e sono rappresentante, ad esempio, dai 1) costi di impianto e di ampliamento; 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; 3) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell’ingegno; 4) concessioni, licenze, marchi e diritti simili) rientrano tra le attività di ricerca e sviluppo da computare ai fini del conseguimento del suddetto requisito necessario per il riconoscimento di PMI innovative e, per analogia, di startup innovative.

Per completezza alleghiamo il testo del parere ministeriale: MISE_parere155175 pdf.

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Annunci