Nessuno corrispettivo al lavoratore che realizza un’invenzione “occasionale” non brevettata

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5424 del 18 marzo 2015, ha confermato il principio secondo cui al dipendente che realizza un’invenzione “occasionale” non spetta alcun compenso, se l’attività inventiva non rientra nell’ambito delle mansioni e non viene brevettata.

La Suprema Corte ha, infatti, sostenuto che, nell’ipotesi di invenzione cosiddetta «occasionale» (art. 24, RD n. 1127/1939), «la concessione del brevetto costituisce la condicio iuris cui è subordinato l’esercizio del diritto del lavoratore, autore dell’invenzione, al canone o al prezzo, non essendo sufficiente l’asserita utilizzazione di fatto dell’invenzione da parte del datore di lavoro».

Avv. Marco De Paolis
————————————————–
DE PAOLIS
CONSULENZA LEGALE E SOCIETARIA
INTERNAZIONALIZZAZIONE E STARTUP
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. marco.depaolis@studiomarcodepaolis.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...